Massima dose tollerata

La Palermo Vegetariana ⋅ Appuntamenti, Cultura antispecista ⋅ 26 gennaio 2015 ⋅ Versione per Stampa

10926400_10203564798146617_4977743473721642016_n

Abbiamo sempre portato avanti la scelta vegan soprattutto veicolando informazioni sulla natura e sulla qualità degli alimenti.
Abbiamo sempre incoraggiato i nostri iscritti a sperimentare nuovi sapori, creando e divulgando ricette originali ideate da noi stessi, consapevoli del fatto che un nuovo stile di vita comincia dalla spesa che si fa ogni giorno.
Ma sappiamo bene che il motore di questa nostra scelta è stato sostanzialmente etico.

Ogni anno miliardi di animali non umani vengono sacrificati, sia a scopo alimentare, sia per la sperimentazione animale.

Milioni di ratti, conigli, cani, gatti ed altri mammiferi, nei laboratori subiscono avvelenamenti con sostanze chimiche, farmaci e cosmetici compresi, induzione di malattie artificiali di ogni genere, esperimenti al cervello esperimenti sul dolore e molto altro.

Di questo tratta il film “Massima dose tollerata”,uscito nel 2012, diretto da Karol Orzechowski e proiettato il 23 gennaio nei locali dell’associazione “Colori di luce”che ha messo i locali a disposizione gratuitamente.

Ad organizzare l’incontro è stato il “LAB” Laboratorio Antispecista.

Nonostante i sottotitoli, il film non stanca, ed ha il pregio di mandare un messaggio forte, senza esser troppo cruento.
Niente immagini “splatter” né sangue a go go, ma immagini di animali negli stabulari o scene di cattura di macachi in Cambogia(per la cronaca: 261.183 macachi catturati vivi tra il 2004 e il 2006).

Lo sguardo disperato di una scimmietta catturata ed introdotta di forza in un sacco di rete può dire molto di più di immagini cruente.

Il film comincia con una breve storia della vivisezione a partire da sec. XIX,con foto d’epoca, illuminante per chi si avvicina per la prima volta a questo tipo di argomento.
Il filo conduttore del film è dato però dalle testimonianze di alcuni ricercatori pentiti, e questo ci riporta al titolo, che ha un doppio senso:la massima dose tollerata dagli animali, come si sa, è una comparazione tra la quantità di un agente che genere l’effetto terapeutico desiderato, e la quantità del medesimo agente che provoca la morte dell’animale.

Ma è anche la quantità di dolore sofferenza e morte che hanno potuto sopportare questi ricercatori prima di pentirsi.
Perché di solito, l’internauta digiuno di antispecismo che comincia ad esplorare il mondo oscuro della vivisezione, si domanda:
“Ma come fanno gli scienziati a non avere pietà degli animali sui quali lavorano?”
Le risposte sono tante, e rivelano diverse tonalità di “grigio”.
Molti sperimentatori innanzitutto lavorano direttamente sui tessuti.
Esempio: si sta sperimentando una cura per un certo tipo di cancro.
Il laboratorio interessato farà ammalare appositamente gli animali, preleverà i loro tessuti (da animali vivi o morti), e li spedirà al laboratorio di ricerca.
Tutti gli scienziati vengono invitati a visitare gli stabulari da dove proviene il loro materiale di ricerca, ma mai nessuno accetta.
Si attua un processo di rimozione, che noi veg* conosciamo bene, tipico di chi non vuole vedere la realtà. La stessa cosa succede, per esempio, quando il consumatore compra
una bistecca ben confezionata nella plastica e non pensa che era un animale vivo e senziente.
Ci sono poi scienziati che mettono limiti.
Nella prima parte del film si parla di ratti e topi, e scopriamo che molti scienziati dichiarano di non avere problemi a lavorare sui topi, ma non lavorerebbero mai sulle scimmie, perché troppo simili a noi. E, a proposito dei ratti veniamo a scoprire che nel 2010, solo negli USA sono stati usati per la sperimentazione quasi 10 milioni di ratti. Sono cifre impressionanti.
Anche i cani pongono dei problemi morali, ovviamente. Uno degli scienziati pentiti lasciò il suo impiego di ricercatore perché doveva lavorare con dei beagles.
A casa aveva due cani che amava come figli, e al lavoro doveva torturare e uccidere altri cani, finché si chiese cosa avevano questi cani di diverso dai suoi. Definì questa condizione “una “contraddizione cognitiva”.
E così lasciò il programma di ricerca, come molti altri che, stando a contatto quotidianamente con gli animali, si rendono conto che sono individui che hanno una personalità.

Al film è seguito un interessante dibattito, che è cominciato cercando la risposta alla domanda: “Chi o cos’è un animale?”
La domanda successiva ovviamente non può essere che la seguente: “E’ proprio necessario eseguire questi esperimenti?”
E’ stato quasi commovente quando una signora piuttosto anziana, che per la prima volta si interessava a questo tipo di argomenti, ha detto:
“Ma se per vivere qualche anno in più devono venire torturati e uccisi tanti animali, allora io preferisco vivere meno”
Sarebbe bastato solo questo per dare un senso all’evento.

Per saperne di più www.laverabestia.org

Per essere informati di altre iniziative contattare il Laboratorio Antispecista LAB  http://www.laboratorioantispecista.org/chi-siamo/

 

Menù di Natale 2014

Manuela Zanni ⋅ Menu completi, Ricette ⋅ 21 dicembre 2014
Natale è il momento dell’anno in cui tutti dicono di voler essere più buoni ma in realtà non è che una delle tante occasioni che abbiamo per dimostrare che buoni lo siamo davvero. Inutile ricordare la crudeltà infinita di cui, nella realtà, l’uomo si macchia proprio in questi giorni  di festa, nei confronti degli animali che hanno come unica colpa ... continua »

Bambini Vegani: Conferenza a Palermo

La Palermo Vegetariana ⋅ Appuntamenti, Comunicazioni, Ecologia e mondo veg ⋅ 3 dicembre 2014
E' con orgoglio che la Palermo Vegetariana presenta una conferenza sull'alimentazione vegana in età pediatrica, la prima nel suo genere nella nostra città. Relatrice sarà la dott.ssa Donata Curione, dietista e mamma vegana, che verrà accompagnata dalla sua pediatra e dalla sua bambina di sei anni. Seguirà un rinfresco a base di dolci vegan e tisane offerto dalla Palermo Vegetariana e dal Centro Prada Shanti. Partecipate ... continua »

Ricotta Felice agli Anacardi

Sergio Gargagliano ⋅ Ricette ⋅ 16 novembre 2014
Quando ho del tempo libero provo sempre a cimentarmi nella realizzazione di formaggi vegani. Questa volta ho voluto realizzare un preparato che avesse la consistenza della ricotta di capra, che tra l'altro qui in Sicilia viene usata spessissimo nei dolci. Dopo svariati tentativi, penso di aver centrato il bersaglio. A voi che vorrete provare,  l'ardua sentenza. Ingredienti: 100gr anacardi 1 cucchiaio semi di ... continua »

Riso basmati all’Orientale

Lucia Russo ⋅ Ricette ⋅ 9 novembre 2014
Chiodi di garofano e cannella per un piatto davvero particolare! Gli ingredienti li trovate in tutti i negozi "indiani"Ingredienti per 4 persone: 2 grosse cipolle bianche o dorate 400 gr di riso basmati un cucchiaio di chiodi di garofano un cucchiaino di nigella un cucchiaino di cannella in polvere mezzo litro di latte di cocco da cucina (non dolcificato) olio ... continua »

Pomodorini ripieni del Duca

La Palermo Vegetariana ⋅ Ricette ⋅ 11 ottobre 2014
Ecco una ricetta ideata dal Duca di Salaparuta, facilissima e veganizzata per noi!! Ingredienti: 8 pomodorini  piccadilly Un avocado ben maturo Uno spicchio d'aglio Una manciata di granella di nocciole Olio EVO Sale Senape in grani (facoltativo) Preparazione: Tagliare longitudinalmente i pomodorini, svuotarli della polpa con un cucchiaino, salarli leggermente all'interno e capovolgerli per perdere l'acqua di vegetazione. Schiacciare l'avocado con la forchetta, tagliuzzare l'aglio piccolissimo e aggiungere la granella; unire tutti ... continua »

relazione finale sulla Settimana Vegetariana Mondiale edizione di Palermo

La Palermo Vegetariana ⋅ Appuntamenti, Comunicazioni, Cultura antispecista, Ecologia e mondo veg ⋅ 8 ottobre 2014
La Palermo Vegetariana ringrazia il suo pubblico attento e curioso, che fin dal primo giorno ha gremito i locali della Chiesa Avventista, sfiorando le 250 presenze. Il momento di maggiore affluenza è stato rilevato durante l'intervento di venerdì 3 ottobre dalla dott.ssa Adele Traina, responsabile del Progetto Diana, che ha trattato la relazione tra alimentazione e insorgenza di patologie neoplastiche, con ... continua »