Arancine vegan con tofu e pomodoro

Fabio Vento ⋅ Ricette ⋅ 9 agosto 2010 ⋅ Versione per Stampa

Non c’è che dire. Le arancine sono un piatto sfizioso e nient’affatto difficile da preparare, per cui era troppo forte la tentazione di rielaborarle in chiave vegan!

Con un pò di impegno ci sono riuscito, e con buoni risultati. La prima domanda a cui rispondere era: cosa usare come ripieno? In erboristeria ho trovato un ottimo tofu rosso al pomodoro che si è prestato egregiamente (ma si può sostituire senza problemi frullando tofu affumicato e pomodoro fresco).

Secondo punto: tutti siamo portati a pensare che nelle arancine le uova siano necessarie per evitare che le “palle di riso” si sfaldino durante l’impanatura e la frittura. Beh, non è così! Nella Palermo “povera” (grazie a Lucia per la dritta!) si usa spesso come “collante” a buon mercato una pastella di acqua e farina.

Ingredienti per 10-12 arancine:

800 gr di riso, preferibilmente arborio
250 gr di tofu al pomodoro
due bustine di zafferano
50 gr di olive nere snocciolate
capperi
pangrattato
farina tipo 0
olio di semi per fritture
sale e pepe
curry (facoltativo)

Tempo di preparazione:
2 ore circa

Procedimento:

Cuocere il riso in una pentola con poca acqua salata, in modo che al termine della cottura questa sia stata interamente assorbita dai chicchi (controllare di tanto in tanto per “regolare” la quantità d’acqua). Intanto frullare insieme tofu, olive e capperi (aggiungendo, se necessario, olio e sale) e preparare due piatti, uno con pangrattato e un altro con una pastella di farina e poca acqua (dev’essere appena fluida).

Versare il riso lessato in una grande ciotola, regolare il sale e aggiungere pepe, zafferano ed eventualmente curry. Nel frattempo mettere sul fuoco a fiamma bassa l’olio per fritture (meglio ancora, usare un pentolino antiaderente e riempirlo d’olio almeno a metà in modo da poter  “immergere” le arancine).

Una alla volta, formare delle “palle di riso”. Sulla parte più alta scavare con le dita un “buco” da cui inserire il ripieno; richiudere per bene con un’altra manciata di riso. Intingere nella pastella di acqua e farina e poi rotolare per bene nel pangrattato in modo che ricopra uniformemente l’impasto. Infine friggere in olio finchè l’esterno non diventa ben croccante.

Buon appetito 🙂

Scrivi un commento