Caesar salad vegan

Manuela Zanni ⋅ Ricette ⋅ 30 aprile 2012 ⋅ Versione per Stampa

Caesar salad vegan

Ecco una gustosa idea per un primo maggio “di gusto” in compagnia degli amici: la Caesar salad (insalata di Cesare).

Di origine statunitense, questo piatto si è velocemente diffuso ed internazionalizzato dando origine a numerose versioni. La sua origine, anche se tuttora è piuttosto incerta, dovrebbe risalire al 1924 quando lo chef Cesare Cardini (da cui mutua il nome), non avendo a disposizione altri ingredienti, inventò la ricetta per la festa del 4 luglio riscuotendo successo immediato.

Gli ingredienti di base sono lattuga romana e crostini di pane soffritti, a cui si accompagnano una salsa a base di succo di limone, uova sode, aglio e salsa Worcestershire e poi – a scelta – bocconcini di pollo, o nella versione “di mare” gamberetti sgusciati. La versione vegan che vi propongo di seguito, ve lo assicuro, non ha nulla da invidiare all’originale! 🙂

Ingredienti per 4 persone:

un cespo di lattuga romana
4 fette di pane (preferibilmente casereccio)
due limoni
4 cotolette o hamburger di soia (o seitan) (da acquistare nei negozi specializzati)
due spicchi d’aglio
aceto balsamico

Tempo di preparazione:
15 minuti circa

Procedimento:

Lavate e asciugare bene la lattuga. Tagliatela su un tagliere con un coltello ben affilato, in modo da non “stracciarla”, in striscioline piuttosto sottili e ponetela in un’insalatiera piuttosto capiente. Tagliate il pane a dadini e friggetelo in una padella con poco olio fino a farlo dorare, quindi mettetelo a scolare su carta assorbente. Nel frattempo grigliate le cotolette (o gli hamburger) di soia (o seitan) e tagliatele a strisce di media larghezza.

In una ciotola preparate il condimento unendo il succo di limone, l’aglio tritato e circa 4 cucchiai di aceto balsamico e sbattete bene con un frustino fino ad amalgamare bene tutti gli ingredienti. Nell’insalatiera unite i crostini di pane, la soia (o seitan) grigliati e condite il tutto con la salsina preparata.

Buon appetito 🙂

Scrivi un commento